Come realizzare un ricamo a punto croce stampato

Come eseguire il ricamo a punto croce – Suggerimenti pratici per iniziare a ricamare a punto croce

1) Se non hai mai eseguito il punto croce in vita tua, sei nel posto giusto!

Neanch'io avevo mai ricamato prima! Il punto croce è il modo migliore per affacciarsi all’arte del ricamo da principiante. È un hobby creativo adatto a tutti e chiaramente non c'è età per iniziare. Dai più giovani ai più anziani, ci sono persone di ogni età che lo fanno (su Figured'Art abbiamo clienti con più di 90 anni che ricamano a punto croce o realizzano diamond painting ogni giorno).

Un'attività ricreativa e rilassante che ti permette di ritrovare la pace interiore sviluppando la tua creatività. Se ci sono riuscita io, credimi, ce la farai anche tu!

I principi sono i seguenti:

Il principio del Ricamo a Punto Croce è quello di ricoprire completamente la superficie di una tela utilizzando fili di diversi colori con cui si formano delle croci, rappresentando così un motivo.

Visto? Non è complicato!


2) Materiale fornito:

 a) Una tela Aida prestampata 11CT, il che significa che la finezza della trama presenta  11 quadretti ogni 2,5 cm di tessuto.

Il disegno prestampato sul tessuto contiene tutti i simboli e le istruzioni per guidarti nel ricamo.

La buona notizia è che il disegno a colori prestampato si dissolve nell'acqua. Per cui solo dopo aver finito di ricamare al 100% il tuo lavoro, potrai immergere la tua tela in acqua tiepida per alcune ore, così rimarranno visibili sulla tela solamente i tuoi punti croce!


b) Una guida cartacea colorata che mostra gli stessi simboli e istruzioni del disegno presenti sulla tela prestampata.

Questa guida ti permette di vedere tutti i simboli, colori o numeri di filo per ogni punto che andrai a fare sulla tela. Un aiuto pratico e maneggevole che ti consente di non trovarti a leggere i simboli direttamente sulla tela.

c) Un set di fili da ricamo preordinati, pretagliati e numerati tramite un cartoncino perforato.

Il numero su ogni filo permette di fare riferimento alla legenda sulla tela o sulla guida cartacea per trovare la corrispondenza tra ogni simbolo, numero e colore di filo da ricamo.

d) Un piccolo kit di accessori che include aghi da ricamo, un ditale da ricamo (anche se gli aghi da ricamo non pungono le dita) e due tipi di infila-ago per infilare i fili nell'ago in modo semplice e veloce.

3) Come prepararsi prima di iniziare il ricamo a punto croce

Prima di iniziare a infilare gli aghi o a ricamare i primi punti croce sulla tela, è importante prendersi il tempo per orientarsi tra i simboli sulla tela o sulla guida cartacea, i numeri sul supporto dei fili e i fili effettivi da infilare nell'ago.

Questo momento può anche essere una buona opportunità per decidere la prima area della tela dove inizierai a ricamare. In genere consigliamo di iniziare con un'area relativamente ampia, con molti punti dello stesso colore per prenderci la mano!

 

Promemoria importante su simboli, legenda e filo:

A volte i simboli mostrati sul tessuto sono di un colore relativamente vicino a quello effettivo del filo con cui ricamare su quel simbolo. Attenzione però, non è sempre così!

Ecco un esempio di un caso SEMPLICE, ma raro:


La tua guida cartacea e la tua tela ti mostrano un simbolo quadrato rosa con un 8 al suo interno.

Quindi fai riferimento alla legenda sul lato della tua tela o alla guida cartacea e noti che il numero del filo da selezionare, qui nella colonna di sinistra, cerchiato in blu, è il numero 8. (Noterai la somiglianza tra il simbolo della tela, che è un quadrato rosa con un 8, e il numero del filo da ricamo, che è anche il numero 8).

Non resta che trovare il filo numero 8 sulla scheda di supporto perforata. In questo caso vedrai anche che il filo 8 è rosa e corrisponde così al colore rosa del simbolo indicato sulla tela oltre che sulla guida della carta. Troverai questa corrispondenza solo in alcuni casi “semplici” come questo.

 

Attenzione:

In altri casi invece, il colore o il numero del simbolo sulla tela o sulla guida cartacea non corrispondono al numero o al colore del filo sulla scheda perforata.

Per enfatizzare i contrasti e per consentire una migliore visibilità sulla tela, il caso "semplice" come descritto nell'esempio precedente potrebbe non essere sempre fattibile (soprattutto nel caso di disegni con sfumature di colore simili tra loro che magari si trovano vicine).

È quindi molto importante prendersi il proprio tempo per osservare la tela e la legenda e magari farsi un segno fra filo e simbolo prima di iniziare qualsiasi cosa.



Ecco un esempio più complicato, è fondamentale capirlo bene:

La tua guida cartacea e la tua tela ti mostrano un simbolo quadrato blu senza numeri o forme in quest'area.

 

Quindi facendo riferimento alla legenda sul lato della tua tela o guida cartacea, noterai che il numero del filo da selezionare, qui nella colonna di sinistra, cerchiato in blu, è il numero 3. (Questa volta vedi che non c'è alcuna somiglianza tra il simbolo della tela, che è un quadrato blu senza numero, e il numero del filo da ricamare, che è un 3)

Inoltre, avrai probabilmente notato che a destra del simbolo nella legenda è indicato un altro numero. Questo riferimento, solitamente un numero di 3 o 4 cifre, è un riferimento di colore secondo uno standard di ricamo DMC. Puoi fare clic su questo link per saperne di più sui colori DMC tramite il nostro post sul blog.

 

 

Non ti resta che trovare il filo numero 3 sulla scheda perforata di supporto per i fili. In questo caso noterai che il filo 3 è grigio, e quindi non corrisponde al colore blu del simbolo quadrato indicato sulla tela e sulla guida cartacea.

Insistiamo dunque sull'importanza di una buona preparazione del lavoro e della comprensione delle legende, dei simboli e delle loro corrispondenze con i fili. In modo da non ricamare il filo sbagliato e realizzarlo solo alcune ore o giorni dopo, il che implicherebbe molto lavoro per correggere tutto.

 

4) Come preparare ago e filo

La prima cosa da sapere prima di infilare il filo nell’ago è che un filo da ricamo è composto da 6 capi.


Quando si realizzano i kit da ricamo a punto croce Figured'Art con tela Aida in 11 CT, è importante notare che sono necessari solo 3 dei 6 fili.


Dopo aver separato il nuovo filo a 3 capi, puoi infilarlo nell'ago a mano o con l'infila-ago.

Indipendentemente dal tipo di infila-ago che preferisci utilizzare, il principio rimane lo stesso:

 

 

Nota bene: una volta che il filo è stato infilato nell'ago, non è necessario legarlo all'ago. Assicurati solo di avere sempre abbastanza filo su entrambi i lati della cruna dell'ago in modo che non scivoli via dall'ago quando passi ripetutamente attraverso il tessuto o attraverso i punti sul rovescio del tessuto (quando vuoi fermare un filo: vedi capitolo 9).

 

5) Come funziona il punto croce

Una tela Aida è composta da diversi piccoli fori che formano una griglia. Il Punto Croce consiste nel collegare 4 fori insieme con un filo, formando una croce a forma di "X".

 

Prendi come riferimento un quadratino sulla tela e i punti 1 e 2 dell’immagine qui sopra. Partendo dal retro della tela il filo deve sbucare sul punto 1, da qui cuci dal punto 1 in basso a sinistra del quadrato verso il punto 2 in alto e a destra del quadrato; così hai realizzato la prima diagonale della croce (1-2).

Il filo si trova ora sul retro della tela e da qui deve sbucare nuovamente sul fronte nel punto 3. Da qui cuci dal punto 3 in basso a destra del quadrato verso il punto 4 in alto e a sinistra del quadrato; così hai realizzato anche la seconda diagonale della croce (3-4).


 

6) Inizia bene il tuo primo ricamo

Quando si inizia un colore, e quindi un nuovo filo, è importante attaccare l'estremità del filo sul retro della tela per garantire la stabilità di tutto il filo e dei punti nell'area in cui viene utilizzato appunto lo stesso filo.

Di norma, quando inizi con il tuo primo punto croce, assicurati di non tirare troppo il filo (o dovrai ricominciare da capo) e di mantenere 2 o 3 cm sul rovescio della tela.

Questi 2 o 3 cm in più possono essere bloccati sul retro del tessuto dalla prima linea di punto croce. In effetti, sul retro della tela, i tuoi punti croce dovrebbero apparire come diverse linee di filo sotto le quali puoi fermare la tua parte in eccesso.


Usando questa tecnica, non è necessario legare il filo alla tela e questo manterrà pulito il retro della tela. Se i 2 o 3 cm di filo non sono completamente bloccati, puoi sempre tagliare l'eccesso.

Nota: se desideri iniziare un filo in un'area del tessuto vicina a un'area già completamente ricamata, puoi anche iniziare il filo utilizzando i punti diritti in quell'area (situati sul rovescio del tessuto)

Puoi fare riferimento al punto 9) di seguito per comprendere i dettagli di questa tecnica.


 

7) Collega bene i tuoi punti croce

Quando si ricamano una serie di punti croce dello stesso colore, ci sono generalmente due modi per farlo:

a) Il primo è fare un punto croce completo, uno dopo l'altro.

In questo esempio puoi vedere che ogni punto croce è completo (1-2-3-4), prima di passare al successivo (di nuovo 1-2-3-4).

b) Il secondo metodo consiste nel realizzare prima tutte le diagonali in una direzione su un'intera fila di punti croce, quindi tornare a tutti i punti ricamando la seconda diagonale, nell'altra direzione.

In questo esempio puoi vedere l'ordine di tutte le prime diagonali da sinistra a destra (1-2-3-4-5-6-7-8), poi da destra a sinistra sulla seconda diagonale (9-10- 11-12 ecc...)

Nota: quando si collegano più punti croce, bisogna assicurarsi di tirare sempre il filo stretto su ogni punto mentre si passa davanti e dietro la tela. Non ci dovrebbe essere allentamento nei tuoi punti.

 

8) Segui l'ordine dei tuoi punti croce

Per ottenere un risultato ottimale con i tuoi punti croce, è importante ricamare sempre nella stessa direzione.

In questo esempio, è stata realizzata prima la diagonale rosa tra 1 e 2, poi la seconda diagonale blu tra 3 e 4.

Per un risultato ottimale, dovresti sempre avere la stessa diagonale in alto.

Non è altro che lo stesso principio dell'ordine dei lacci delle scarpe per avere un aspetto pulito e ordinato.


 

9) Come fermare il tuo filo?

Una volta che hai completato tutti i punti croce in un'area della tua tela con lo stesso colore del filo, è necessario fermare il filo.

Per fermare un filo, assicurati prima che l'ago con il filo sia sul rovescio del tessuto, quindi blocca il filo sotto i punti non diagonali sul rovescio del tessuto (e quindi sotto i fili dell'ultima riga di punto croce fatto prima di voler fermare il filo). In generale, per bloccare un filo vengono utilizzati un minimo di 3 e un massimo di 5 punti diritti non diagonali.


In questo esempio, puoi vedere chiaramente che l'ago con il filo passa sotto i 4 punti diritti sul rovescio del tessuto.

Dopo aver passato il filo attraverso 3-5 punti diritti sul rovescio del tessuto, puoi tagliare l'eccesso e quindi iniziare una nuova area con lo stesso filo o una nuova area usando un colore diverso del filo.

 

10) Punti isolati? Interrompi o mantieni il tuo filo?

A volte un'area di punti da ricamare contiene un numero di punti più o meno distanti dall'area principale.

In questo caso, sorge un dilemma, devo fermare il filo e ricominciare o posso "saltare" diversi quadrati della griglia dal lato posteriore del tessuto?

Di solito consigliamo di interrompere il filo e di riavviarlo nei punti isolati solo se la distanza supera i 5 o 6 quadrati sulla griglia della tela, in modo da mantenere organizzato il retro della tela ed anche per evitare di sprecare troppo filo.


Esempio con un filato il cui simbolo sulla tela è un quadrato arancione:

In questo esempio possiamo notare che partendo dalla zona più importante a sinistra (inquadrata in verde) è sempre possibile "saltare" più riquadri della griglia attraverso il retro della tela, in modo da raggiungere direttamente punti isolati (che sono qui a meno di 6 caselle dall'area di partenza).

Nota: se la distanza supera 5 o 6 quadrati sulla griglia, nonostante sia ovviamente più dispendioso in termini di tempo e noioso fermare il filo e poi riavviarlo altrove, tuttavia non dimenticare che senza questo passaggio, non solo rischi di sprecare molto filo, ma il retro della tua tela sarà coperto da linee di filo scucito che collegano punti su lunghe distanze, rendendo la tua tela molto disordinata e sempre più difficile da lavorare.

 

11) Lava la tua tela

Una volta che il disegno è stato completamente ricamato, i punti croce terminati e i fili completamente fermati, è necessario immergere il tessuto in acqua tiepida (30°C massimo) per alcune ore, risciacquarlo e poi lasciarlo asciugare a temperatura ambiente.

Il motivo, le linee e le legende prestampate sulla tela sono realizzate con un inchiostro speciale che può essere sciolto in acqua.

Una volta completata questa fase, vedrai che solo i tuoi punti croce rimarranno visibili sulla tua tela, rappresentando perfettamente il tuo lavoro.


 

12) Il tocco finale: la stiratura

Una volta che la tela è stata imbevuta, sciacquata e asciugata, puoi stirare delicatamente il retro della tela a bassa temperatura per sigillare e appiattire i punti.